Perché le Stronze vivono meglio (e scopano di più)

Schermata 2016-05-05 alle 11.34.05

Ci sono tipi di donne che io ammiro spasmodicamente.

Ammiro il culo di Beyoncè. Che non cede mai. Maledetto.
Ammiro i finti pentimenti post tradimento di Kristen Stewart, degni di una Kardashian qualsiasi.
Ammiro quelle che riescono ad avere un lavoro full time, portare fuori il cane, tenere pulita la casa e avere anche l’energia di darla al marito.
Ma più di tutte, ammiro le finte distaccate. Le stronze, per capirci.
Scena tipica di fantasia, ma accaduta ampiamente in passato.
Esco con il lui di turno (che chiameremo Max). Serata perfetta.
Ha anche perso l’orientamento tra una mia tetta e l’altra,  che dicono essere un ottimo segno.
È complimentoso ma non melenso. È gentile ma non zuccheroso. Alterna le risate alla serierà.
Insomma Max ha ottime possibilità di farsi fare una fellatio entro il quarto appuntamento. 
Poi ci salutiamo e torniamo alle nostre vite.
O meglio. Lui torna alla sua vita.
Io inizio quella della detective-segugio-col-cazzo-che-mi-scappi.
Una vita d’inferno, lasciatemelo dire.
Mi collego ogni 6.5 minuti esatti a Whatsapp, perché metti che mi scriva e io non me ne accorga. Neanche i guerriglieri del Sud Corea ebbero così tanta suspance.
Guardo il suo profilo Facebook ogni 42 secondi netti, per capire se ha pubblicato uno status che tra le righe parli di me. Ovviamente queste minchiate le facciamo noi, gli uomini manco si sognano. Ma io ci casco sempre.
Poi me lo sogno di notte. Che neanche facciamo all’amore. No, me lo sogno così, come si sogna il catechista. Mai una gioia. 
E in men che non si dica parte una paranoia degna di Dorothy nel regno di Oz.
“Non mi sono neanche messa le ballerine, cazzo, un po’ di riconoscenza”!
“Neanche abitassi in Nuova Guinea, quanto può costargli una telefonata? 5 cent? Pulcioso maledetto”
Le amiche vengono chiamate a raccolta. Si analizzano gli sms meglio di una squadra di CSI.
I messaggi vocali vengono interrotti di continuo per carpire una nota d’amore nella sua voce.
Roba da psicopatiche insomma.
E intanto Max latita. Max viene soprannominato Max il Fuggitivo, o Max l’Illusionista . 
Questo poveretto magari si sta facendo sciogliere i muscoli dal fisioterapista, e non sa che dall’altra parte della città ci sono ovunque foto segnaletiche con la scritta: “Max lo Stronzo, ricercato”.
Perché ammettiamolo. Chiunque non chiami le prime 12 ore post appuntamento è uno stronzo, e si merita il rogo. 
Ecco, io in questi momenti di lacrime e bestemmie, vorrei essere una di quelle.
Una stronza. Meravigliosa categoria di donne, dalle emozioni congelate e dall’intelligenza iper sviluppata.
Quelle che sanno come si fa.
Che me lo spiegassero, perdio.
Sono quelle che ignorano Max. Non importa che sbavino come lumache al solo sentire la sua voce, o che abbiano già ordinato gli asciugamani con le doppie iniziali per il loro futuro bagno.
Le stronze sembrano distaccate.
E mentre noi vorremmo scatenare la rabbia sulle nostre unghie e provocarci sessioni costanti di dolore, con una compilation di cerette brasiliane, loro sono calme.
Pacifiche.
Un aplomb da poltrona del ‘700.
“Ma sì, chiamerà, e se non chiama fotte, sai quanti ce ne sono meglio di lui?”
No, francamente no”.
“Ma si dai. E’ carino, ma niente di che”
“No certo. Il tuo Niente di che, mi fa ridere, paga la cena, ha un cervello fichissimo ed è affascinante. Roba che non mi capitava di trovare queste 4 caratteristiche tutte insieme dal 2001, ma tanto che vuoi che sia”
“Esagerata”.
Ecco, la stronza è così.
Risponde agli SMS almeno 5 ore dopo, che non si sa mai, che lui pensi che sia già legata.
Controlla il cellulare ogni 10 ore.
Ha sempre un sacco di cose da fare. E tutte quando lui le chiede di uscire.
“Ciao, sei libera stasera?”
“Guarda, grazie ma sono impegnatissima, ci aggiorniamo il prossimo mese”
L’impegnatissima si riferisce al lavaggio del barboncino nano.
Che nervoso.
Ovviamente mentre loro sono appositamente distaccate, con una faccia di bronzo degna di una scoperta archeologica,  il Max di turno inizierà a bramarle come un serpente desidera un gattino.
E quando la stronza finalmente dirà di sì, a lui sembrerà la più bella notizia del mondo.E non esisterà che non la chiami più.
Ma soprattutto che non la scopi più.Ecco, io penso seriamente che le stronze governeranno il mondo, un giorno.
E credo anche che ognuna di noi, abbia un’amica così. Magari la compagna di merende d’infanzia, o quella più spigliata del corso di Marketing.
E invece di dirle Ma io seguo il cuore, e se mi sento di chiamarlo IO, lo chiamo io!( vi prego, non fatelo mai), ascoltate quello che vi consiglia lei.
Perché alla fine la stronza ha sempre ragione. E ha, e soprattutto avrà,
sempre più piselli di noi.
Amen.

Questa voce è stata pubblicata in MaryG world, Mondo femminile.

Commenti

  • Virginia

    Ma io dico!hai capito qual é la tattica delle “stronze”,che ci vuole ad applicarla??

    • http://confessionidiunamente.wordpress.com ConfessionidiunaMenteCinicaIstericaeRomantica

      Tutte stronze con la psiche delle altre! :-)
      Un abbraccio

  • Monica

    Cara, io sono quella tu chiami una stronza. Ho affinato queste tecniche per non rischiare di perdere ogni volta che uscivo con un ragazzo il posto di lavoro e anche l’equilibrio mentale che comunque già vacilla di per sè. Quindi, non so ma l’unico consiglio che ti posso dare è di prendere un barboncino nano e di dedicarti a lui completamente. Gli uomini saranno ai tuoi piedi. Attenzione però, l’ultimo che mi è stato dietro come dici tu come “il serpente desidera il gattino” (su questa affermazione vorrei chiederti un chiarimento perchè l’analogia mi sembra forzatina…In ogni caso, l’ultimo serpente che bramava questa gattina ha chiamato per un pò e poi ha iniziato ad imitarmi per cui è diventato un vero e proprio stronzo. Attenta quindi, la stronzaggine ti si può rivoltare contro…baci!

    • http://confessionidiunamente.wordpress.com ConfessionidiunaMenteCinicaIstericaeRomantica

      Eh Monica, di cani ne ho presi ben due e mi sono fidanzata (non con i cani).
      Ma la voglia di tirarmela in maniera spasmodica rimarrà sempre.
      Ma che vuoi che ti dica. Il lato romantico prevale su quello cinico. Ognuna c’ha la sua croce.
      Un bacio

  • pierantonio calabrese

    Un catanese verace, dopo la lettura, esclamerebbe: ” chista e’ scattiata”.

    • http://confessionidiunamente.wordpress.com ConfessionidiunaMenteCinicaIstericaeRomantica

      Una veneta verace chiederebbe: Cossa seto drio dire?

  • Carlo

    L’ho girato a tutte le mie amiche. Dicono che sei già il loro mito, da mò.
    E’ che ci arrivo dopo io.
    Bravissima!

    • Carlo

      Grandiii!! Love

  • mark

    le stronze sono quelle che combattono inutilmente contro se stesse cercando di assopire senza riuscirci i prevalenti o preminenti sentimenti d’amore regolatori della vita della donna spesso in sofferenza per aver sbagliato partner, quindi difendendosi adottando il comportamento tipicamente maschile che non consiste nell’essere stronzi, ma nella possibilità di allacciare rapporti intimi affettivi passionali erotico-sessuali senza impiegare l’apice dei sentimenti umani cioè l’amore, amore necessario alla donna per avere una ragione di vita più complessa di quella maschile.

  • http://lavitaeunpacco.wordpress.com Nina B.

    Beh a me è capitato di fare la stronza distaccata e lui si è trombato la mia amica che gliel ha data la prima sera!!

  • http://labellezzachevorrei.blogspot.it/ valentina

    quanto vorrei essere un stronza pure io, e invece ma che…paranoica donnina insicura in attesa che chiami. :) Sei un mito!

    • http://confessionidiunamente.wordpress.com ConfessionidiunaMenteCinicaIstericaeRomantica

      Fondiamo un club Vale! Un bacio grande

  • http://ladonnadibotero.blogspot.it/ Titti Jones

    …..drammaticamente…appoggio in pieno ogni singola virgola!!! 😀

    • http://confessionidiunamente.wordpress.com ConfessionidiunaMenteCinicaIstericaeRomantica

      Grazie Titti!

MaryG world

Iscriviti alla Newsletter