La verità, vi prego, sui limoni

Il mio primo bacio fu dato a 13 anni, in un sottoscala buio e polveroso del patronato.
Avrei dovuto capire che questo era un messaggio di Gesù che mi diceva che la mia vita sarebbe stata costellata da limoni di merda. Il mio canino fu letteralmente stuprato, e il mio labbro inferiore fu colto da paresi per i successivi due giorni.
Ricordo anche che rischiai un semi soffocamento perché il tizio aveva deciso di essere il protagonista di Esplorando il Corpo Umano, e la sua lingua doveva per forza arrivare al mio esofago.
Una cosetta deliziosa, per intenderci.
Ma ero giovane.
E fiduciosa sul fatto che si potesse migliorare.
Lui non solo non migliorò, ma mi mollò per telefono esattamente 12 giorni dopo.
Quando il mio canino si fu psicologicamente ripreso dallo shock, decisi che bisognava per forza riprovare. E divenni una vera e propria fan dei limoni.
Seguendo il pensiero altamente filosofico del Un limone non si nega a nessuno, e del Limonare fa curriculum, iniziai con mestizia e testardaggine questa attività per la quale nessuno mi avrebbe mai dato un centesimo. Questo è l’anno dei 29, e le cose dovrebbero essere molto facili.
No. Ovviamente.
Sennò mica lo scrivevo, questo post.
Certo, ho incontrato anche io grandi limonatori, di quelli che mentre baci le gambe ti tremano, quelli dei brividi dal collo al tallone, quelli che ti fanno bagnare anche i pensieri, ma va detto, la percentuale non è a loro favore.
Quanta amarezza. Quindi. Vi scrivo cosa non va assolutamente fatto.
Perché a quasi 30 anni, già è un mondo difficile.
Già non sappiamo bene se sposarci o unirci al Circo.
Già siamo indecise se telefonarvi e rivedervi, o farci chiudere la patonza con ago e filo per non cadere più in tentazione.
Anche che si limoni di merda no. Abbiate pazienza.
A quasi 30 anni abbiamo il sacrosanto diritto di ricevere dei baci decenti.
1. Avete una bocca. Non il tunnel del Monte Bianco. Non occorre aprirla e farci vedere quante carie avete curato dall’infanzia ad oggi.

2. Noi donne, creature soprannaturali quanto gli unicorni, respiriamo con 2 cose. Con il naso, e con la bocca. Se il vostro naso si appiccica al nostro e la vostra lingua ha decido che vuole esplorare il nostro cavo orale, noi diventiamo blu, e moriamo. Sappiatelo e regolatevi.

3. Ciucciare le labbra stile Pascale con il Calippo, va bene. Ma poiché non siete posseduti dallo spirito di un Folletto di ultima generazione, vi pregherei di non aspirarci la bocca. Perché fa vagamente cagare. Abbiate pietà. Ve l’ho già detto che è un mondo difficile?

4. Le mani che ci tengono la testa fissa contro la vostra faccia, creano panico. Asfissia. Claustrofobia. E già che ci siamo, ne approfitto per dire che non è carino farlo manco durante la fellatio.

5. Labbra serrate stile criceto, nun se possono vedè. Magari anche pronunciate un pochino in avanti.  Deliziosi, davvero deliziosi.  Non siete ratti. Perdio.

6. Lingua stile vongola morta. Quando voi uomini aprite la vostra boccuccia e lasciate la lingua lì. Lì. In anestesia totale. Ci sono un tot. di terminazioni nervose che sarebbero felici di essere stimolate. Stimolatele. La lingua non vi cade se la muovete. Provateci. Magari vi piace.

7. I film mentali degni dei migliori premi Oscar. Scena. Bar molto affollato. Parte un super limone. Con annessa zip del vestito magicamente giù, mentre lui con destrezza di un’ orca in una vasca da bagno, cerca di slacciarci il reggiseno. Ehi, amico. Questo è il tuo film. Nel mio, imbraccio un fucile e ti faccio scoppiare quella testa piena di pensieri maiali. Stai calmo, please.

8. Avete presente quando da bambini disegnavate le bocche, che erano sempre un po’ spostate rispetto alla realtà? Poiché ora avete 30 anni e non 4, doveste avere capito l’esatta posizione in cui normalmente si trovano. Baciate la bocca. Non lo zigomo, il naso, il mento, perché lasciatemelo dire. Avere uno che ti lecca il fondotinta, è rivoltante. E anti estetico.

Noi donne siamo quasi semplici. Ci piace l’happy ending. Non ci aspettiamo che un limone corrisponda al Vissero per sempre felici e contenti. Ma neanche Che schifo, vomito.
Siate principeschi. Fateci stare bene. Ci basta anche solo per 10 minuti.
Poi si sa.
Una donna baciata bene, sarà una donna che si spoglierà in fretta. Ricordatevelo.

Questa voce è stata pubblicata in Appuntamenti, L'amore secondo MaryG, Le trentenni, MaryG world.

Commenti

  • https://www.facebook.com/app_scoped_user_id/10206583165913019/ Vincenzo Lanzaro

    si ma alla fine tanti “non fare”… ma come volete che sia sto fatidico bacio???

    • http://confessionidiunamente.wordpress.com ConfessionidiunaMenteCinicaIstericaeRomantica

      Dipende. A 30 anni un semplice bacio va preso con leggerezza. A 15 un bacio diventa una faccenda di stato.

Appuntamenti

Iscriviti alla Newsletter